BANDIERA BIANCA Perché l'assalto al Campidoglio mi sembra così familiare?

Le analogie tra i fatti americani e chi doveva aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno

ANTONIO GURRADO 08 GEN 2021 ilfoglio.it

Se i repubblicani non cedono i democratici non possono fare nulla

Dimmi che bandiera hai e ti dirò che trumpiano sei

Va bene, uno come Jake Angeli lo avevamo già visto in “Attila flagello di Dio”, siamo tutti d’accordo. Ma uno come Derrick Evans, perché mi sembra familiare? Evans era da poco stato eletto deputato nel parlamentino della West Virginia quando, l’altro giorno, ha postato una diretta Facebook in cui si lanciava all’assalto del parlamentone in Campidoglio, strillando “Siamo entrati!” e non resistendo alla tentazione mitomane di parlare di sé alla terza persona come Giulio Cesare e Maradona (“Derrick Evans in Campidoglio!”), prima di mettersi a gironzolare fra gli augusti corridoi, forse intimorito da tanta magnificenza, tramutandosi all’improvviso da impavido sedizioso a innocuo scolaretto in gita. Più rileggo la notizia, più ho un dejà vu. Dove li ho già visti dei parlamentari che dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno? E che invece, appena dentro, dopo un fugace attacco di mitomania si sono ammansiti facendo finta di nulla?

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli

Per accedere all'area riservata