Appunti per la sinistra Il manifesto di Freccero dimostra che l’asse Lega-grillini è ancora fecondo

L’ex manager televisivo ha detto varie cose strampalate, anche comiche, ma ha ammesso che esiste un blocco di opinione consistente e coerente con un sentire comune e una comune visione del mondo alternativa a quella democratica

Francesco Cundari, 23.9.2021 linkiesta.it lettura4’

Lo dico subito: su un punto Carlo Freccero non solo ha ragione, ma si dimostra anche assai più lucido di molti suoi antichi e recenti compagni di strada. Ovviamente – ma c’è ormai qualcosa di ovvio, in questo genere di dibattiti? – non sto parlando delle sue teorie no vax, tanto meno della balzana idea di promuovere un referendum contro il green pass.

Sto parlando del modo in cui descrive, nella scoppiettante intervista pubblicata ieri sul Foglio, le battaglie politiche cui ha preso parte dal 2016 a oggi. E che ora lo vedono schierato su diversi quotidiani, dal Fatto alla Stampa, contro le misure anti-Covid decise dal governo Draghi, al fianco di autorevoli filosofi quali Giorgio Agamben, Massimo Cacciari, Gianni Vattimo. Pattuglia di pensatori che Freccero non esita a definire «un’avanguardia di sinistra».

Fin qui, si dirà, nulla di nuovo. La confusione sui concetti di destra e sinistra, sul ruolo di certi intellettuali e sulle effettive conseguenze politiche di certe battaglie è storia antica. E invece proprio a questo punto arriva un lampo di luce.

Quando infatti l’intervistatore, Salvatore Merlo, giustamente gli fa notare che saranno pure avanguardisti di sinistra, ma dicono «le stesse cose di Giorgia Meloni», Freccero risponde: «Significa che riesco a parlare, da uomo di sinistra, al suo grande elettorato che vincerà le elezioni. Io voglio penetrare lì dentro. È una operazione gramsciana. Ripeterò lo stesso schema che ho fatto col referendum contro Renzi».

Merlo lo incalza: «Stupro della Costituzione. Deriva autoritaria. Ducismo. Ma a quel tempo eravate tanti, c’era anche Gustavo Zagrebelsky». Ribatte Freccero: «E oggi contro il green pass siamo pochi. Io, Agamben, Cacciari e Vattimo. Lo so. Ma c’è chiaramente sulla carta un 30 per cento di italiani cui rivolgersi, quel 30 per cento che ha fatto vincere l’alleanza Lega-M5s. È sempre uguale. Lo stesso gruppo di persone. Io li chiamo i ‘non culturalizzati’ dal giornale mainstream».

Addio dunque alla favola del Movimento 5 stelle costretto ad allearsi con la Lega dalla cattiveria del Partito democratico, obbligato suo malgrado ad andare al governo con Salvini e a varare i decreti sicurezza, a chiudere i porti gareggiando con lui in populismo e sovranismo. Freccero individua un blocco di opinione consistente e coerente, che stima intorno al 30 per cento, in cui riconosce un sentire comune e una comune visione del mondo.

Che la si voglia considerare come una confessione o come una rivendicazione, come una voce dal sen fuggita o come un manifesto politico, questa analisi andrebbe affissa alle pareti della direzione del Partito democratico, e nella maggior parte delle redazioni dei giornali e delle trasmissioni televisive che si considerano «di sinistra», e ancora non hanno capito dove portano certe battaglie: dalla campagna contro il referendum voluto da Jp Morgan (ve l’eravate dimenticata questa, dite la verità) all’alleanza di governo Lega-M5s, sbocco più che naturale di quella mobilitazione, di quei metodi e di quelle parole d’ordine, al di là delle chiacchiere degli utili intelligentoni che vi presero parte, per finire oggi esattamente sulle posizioni di Fratelli d’Italia.

Basta leggere il resto dell’intervista al Foglio, in cui dalla congiura delle élite, molto in voga anche a sinistra («Il vero complottista è Klaus Schwab, il presidente del World Economic Forum. È lui che dice che il covid è un “grande reset”. Che è l’occasione per instaurare un nuovo ordine mondiale»), Freccero arriva dritto all’ossessione del «gender», nella convinzione che «anche la questione del gender la vuole l’élite» e che persino Papa Bergoglio «è un uomo del reset». Passando così in un attimo da Antonio Gramsci ad Antonio Socci.

Freccero non evita uno solo dei motivi ricorrenti nella retorica di una certa sinistra (autopercepita) che dal 2016 a oggi ha accompagnato quel «30 per cento» nel suo lungo viaggio attraverso il populismo, dall’abbraccio con Matteo Salvini all’incontro con Giorgia Meloni.

Come l’immancabile denuncia della censura che lo colpisce: «Sai chi ha scritto la prefazione al libro di Schwab? L’ha scritta John Elkann, il padrone che ha svenduto la Fiat e poi ha fatto il gruppo Gedi. E infatti nulla di quello che dico finisce sui giornali».

Affermazione pronunciata nella stessa intervista in cui Freccero, poche righe sopra, aveva ricordato non solo di avere appena esposto le sue tesi sulla Stampa (giornale del gruppo Gedi, dove peraltro erano già apparsi gli interventi di Agamben e di Cacciari) ma anche che era stato proprio il direttore, Massimo Giannini, a chiamarlo per chiedergli di intervenire.

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli

Per accedere all'area riservata