Fontana, il ciociaro che dovrebbe resuscitare la borghesia spompata

Corriere della Sera. Fontana, intanto, è comunista vero. Nasce nel comparto della gavetta dell’Unità ai tempi, tra i Settanta e gli Ottanta, in cui quello del giornalista comunista era un onesto lavoro politico

Vi spiego perché l'approvazione dell'Italicum segna la fine del Pd e la fine della legislatura

Le cronache di questi tristi giorni parlamentari ci hanno raccontato una realtà che solo parzialmente è emersa sui giornali e sui media: Matteo Renzi è solo

Perché gli imbecilli non hanno ucciso Milano

Black bloc ed Expo. Domande non retoriche su due mondi inconciliabili

Expo, Renzi e Papa Francesco. Il pagellone fogliante alla settimana politica

Per una volta i tanti leader della minoranza del Pd (Bersani, Cuperlo, Speranza, Civati, Bindi, Epifani, Fassina...) sono rimasti uniti nella scelta di non votare la fiducia e si sono mossi come un sol uomo

Expo, la black bloc con il Rolex. Ecco la foto che divide il web

In testa ha cappello e cappuccio da cui esce una ciocca di capelli castani, una sciarpa le copre la bocca, in mano ha due bombolette spray.

Silvio Berlusconi vuole fare il Partito Repubblicano e dal 1 giugno Forza Italia chiude

La data del 31 maggio, giorno del voto, si avvicina inesorabile e con lei aumenta incontrollata l'ansia mista a panico tra i parlamentari di Forza Italia.

Adesso si può votare. L’arma dell’Italicum e le due strade di Renzi per continuare la legislatura

Se osservata invece ragionando sui numeri del Senato, la minoranza del Pd è tutt’altro che ininfluente e senza l’appoggio a Palazzo Madama di Forza Italia….

Letta e Prodi tornati senza lasciare segno

Letta e Prodi, con il loro libretto sotto le ascelle, sono arrivati quando Forte Apache era già stato conquistato .Non avrebbero potuto far niente anche se fossero arrivati prima. Ma, almeno, avrebbero potuto essere disarcionati in una dimensione eroica e non avrebbero dimostrato, com'è successo, la loro totale inutilità politica. Avanti un altro, please.

E’ il Primo maggio dei padroni. Altro che festa del lavoro, il capitale la trionferà

La battaglia sindacale alla General Motors nei primi anni 70, la marcia dei quarantamila in Italia, l’automazione, la finanza, le partite Iva: una storia che racconta la fine della classe operaia come motore del progresso sociale

Per accedere all'area riservata