Claudio Borghi, la resistenza a Giancarlo Giorgetti: "Svolta moderata della Lega? Vediamo..."

Il suo pragmatismo non è una semplice soluzione, ne parleremo al congresso per cui stiamo lavorando

15 Febbraio 2020 libero.it

Claudio Borghi fa resistenza rispetto alla svolta moderata della Lega sostenuta da Giancarlo Giorgetti. "Il suo pragmatismo non è una semplice soluzione, ne parleremo al congresso per cui stiamo lavorando", spiega in una intervista a Il Tempo. E non vuole sentire parlare della fine della Lega anti-europeista: "I programmi si decidono nei congressi. Tuttavia, continuo a ripetere che sull'Euro come su altri temi, non si può fare nulla unilateralmente". E sulle voci che girano secondo le quali al congresso del partito guidato da Matteo Salvini emergeranno le diverse correnti, Borghi dice: "La Lega è un partito molto gerarchico, molto militare, dove si discute, e molto. Ma una volta trovata la sintesi, questa diviene la rotta".

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli

Per accedere all'area riservata