L'Italia vista dagli altri Risparmi a rischio e Italexit. La “spirale catastrofica” dell'Italia vista dai giornali stranieri

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Telegraph, Die Presse, La Vanguardia, Sueddeutsche Zeitung, Handelsblatt e Financial Times

11 Ottobre 2018 alle 09:00 www.ilfoglio.it

La “spirale catastrofica” dell'Italia: di che si tratta e può innescare una Italexit?

Londra, 11 ott - (Agenzia Nova) - Il quotidiano conservatore britannico "The Telegraph" pubblica oggi giovedì 11 ottobre un articolo di analisi nella sezione "Affari" del giornale, il cui gli autori Helen Chandler-Wilde e Iain Withers affermano che la situazione politico-finanziaria dell'Italia sarebbe sull'orlo di una "spirale catastrofica" che a partir dallo scontro in atto con la Commissione europea di Bruxelles sulla Legge di bilancio italiana per il 2019 potrebbe precipitare fino ad innescare l'uscita della Penisola dall'Eurozona.

Continua a leggere l'articolo sul Telegraph

Austria: presidente Consiglio fiscale Haber, Italia è “tra minacce più grandi per Europa”

Vienna, 11 ott - (Agenzia Nova) - L'Italia è “tra le minacce più grandi per l'Europa”. In questo modo, in un'intervista rilasciata ieri 10 ottobre al quotidiano austriaco “Die Presse”, il presidente designato del Consiglio fiscale dell'Austria, Gottfried Haber, ha commentato la legge di bilancio per il 2019 recentemente approvata dal governo italiano. Come in Germania, anche in Austria si diffondono forti preoccupazioni per gli effetti che potrebbe avere sull'Eurozona la finanziaria italiana, oggetto di critiche severe da parte di diversi Stati membri dell'Ue. Timori e critiche condivisi dalla Commissione europea, al cui giudizio la legge di bilancio dovrà presto essere presentata dal governo. Analizzando i mercati dei capitali e l'andamento del debito, il Consiglio fiscale austriaco sostiene il governo di Vienna nell'elaborazione delle politiche di bilancio. Già vicepresidente del Consiglio fiscale austriaco dal 2013, l'economista Gottfried Haber, sostenitore delle politiche di austerità, è stato designato dal governo di Vienna alla presidenza dell'ente a inizio di ottobre e assumerà ufficialmente l'incarico dal primo novembre prossimo.

Continua a leggere l'articolo su Die Presse

Un governo contro tutti

Madrid, 11 ott - (Agenzia Nova) - Lo spread fra i titoli di Stato italiani e i bund tedeschi è salito martedì a 315 punti base, il picco più alto mai registrato dal 2013. Gli avvertimenti di Bruxelles, i timori espressi da Bankitalia e dagli imprenditori di Confindustria, la minaccia di Moody's, le parole del presidente della Repubblica, le perplessità del ministro dell'Economia Giovanni Tria e dell’euroscettico Paolo Savona: niente è riuscito a convincere i due vice presidenti del Consiglio, Luigi di Maio e Matteo Salvini a modificare la manovra economica per il 2019 che prevede un aumento del deficit al 2,4 per cento del Pil. Lo scrive il quotidiano “La Vanguardia”, secondo cui, convinti che il popolo abbia dato loro il mandato per adempiere a tutte le promesse elettorali, i leader del Movimento 5 stelle e della Lega tirano dritto perché non vogliono essere accusati di tradimento. "Mi sono impegnato a cambiare la legge sulle pensioni e, ora, perché qualcuno a Bruxelles, lo spread o Bankitalia mi dice che non è appropriato, dico agli italiani che stavo scherzando?", ha detto ieri Salvini in un’intervista televisiva. "Non tradisco i cittadini", gli ha fatto eco Di Maio, acclamato dai suoi militanti come un eroe.

Continua a leggere l'articolo su La Vanguardia

Italia: “risparmi in pericolo” a causa delle finanziaria

Monaco di Baviera, 11 ott - (Agenzia Nova) - Si diffonde sempre più in Germania la preoccupazione per la legge di bilancio per il 2019 recentemente approvata dal governo italiano, che prevede lo sforamento dei parametri europei e l'espansione del debito pubblico. Secondo il quotidiano tedesco “Sueddeutsche Zeitung”, con la nuova finanziaria, l'esecutivo formato da Lega e Movimento 5 Stelle (M5S) “agisce come se disponesse di risorse senza fine, rischiando tutto”. Il governo italiano “sta giocando a un gioco pericoloso: con l'Europa, con il proprio paese e alla fine con se stesso”. Quelli che la “Sueddeutsche Zeitung” definisce “i sogni del deficit” della finanziaria italiana sono “tanto esagerati e oltre ogni fattibilità da apparire una provocazione politica, come un tentativo di rovesciare l'Europa e l'euro”. Intanto, si attende per la fine del mese il verdetto delle agenzie di rating sulla legge di bilancio per il 2019 approvata da Palazzo Chigi, che potrebbe essere “devastante” per un'Italia che, già fortemente indebitata, deve raccogliere “circa 400 miliardi di euro ogni anno sui mercati”. I partiti al governo a Roma “non intendono cambiare idea, affermando che il popolo capirà”. Tuttavia, aggiunge la “Sueddeutsche Zeitung”, se le banche italiane torneranno sotto pressione, “i loro risparmi saranno in pericolo e gli italiani non lo perdoneranno”.

Continua a leggere l'articolo sul Sueddeutsche Zeitung

Italia: produzione industriale “sorprendentemente forte”

Berlino, 11 ott - (Agenzia Nova) - Nonostante le debolezze della sua economia, l'Italia ha registrato ad agosto scorso una crescita “sorprendentemente forte” della produzione industriale, con un incremento dell'1,7 per cento su base mensile. È quanto riferisce il quotidiano tedesco “Handelsblatt”, commentando i dati pubblicati ieri, 10 ottobre, dall'Istituto nazionale di statistica (Istat). Il risultato supera nettamente le previsioni che davano la crescita della produzione industriale in Italia nel mese di agosto allo 0,8 per cento. L'aumento registrato ad agosto è il terzo negli ultimi quattro mesi e il maggiore da dicembre 2017. Tuttavia, avverte “Handelsblatt”, a luglio e agosto le letture “fluttuano spesso in maniera considerevole a causa della chiusura di numerose fabbriche per le ferie estive”. Inoltre, “l'aggiustamento stagionale non esclude completamente tale effetto”. A ogni modo, il dato sulla crescita della produzione industriale in Italia, la terza economia dell'Eurozona dopo Germania e Francia, è certamente positivo alla luce delle criticità dell'economia italiana. Per quanto riguarda la crescita del Prodotto interno lordo dell'Italia, le ultime previsioni per il 2019 convergono su un un tasso dell'1,2 per cento, in calo rispetto all'1,5 per cento stimato in precedenza.

Continua a leggere l'articolo su Handelsblatt

Secondo l'autorità fiscale Ue, la Commissione di Bruxelles è stata “troppo generosa” con l'Italia

Londra, 11 ott - (Agenzia Nova) - La Commissione europea di Bruxelles è stata "eccessivamente generosa" con l'Italia nel concederle una eccessiva flessibilità aldilà delle regole fiscali Ue nel corso delle trattative del 2017 sul bilancio del 2018: lo scrive il quotidiano economico britannico "The Financial Times", riportando l'opinione espressa dal presidente dell'European Fiscal Board, Niels Thygesen; l'organismo, ricorda il giornale della City di Londra, è un ente indipendente incaricato di controllare se le politiche della Commissione europea rispettano appieno il "Patto di stabilità e di crescita". Ebbene secondo Thygesen la Commissione nel 2017 sarebbe stata eccessivamente tollerante nei confronti di diversi governi di paesi Ue: "L'attuale sistema di applicazione delle regole", ha detto, "ha raggiunto i suoi limiti e dovrebbe essere rivisto". I commenti del presidente dell'European Fiscal Board, nota il "Financial Times", arrivano in un momento in cui sta aumentando la tensione tra il governo populista dell'Italia e Bruxelles sulla Legge di bilancio per il 2019 ed echeggiano gli appelli lanciati dalla Banca centrale europea e dal Fondo monetario internazionale perché l'Ue adotti un sistema di regole di bilancio più semplice e meno soggetto alla discrezionalità della politica.

Continua a leggere l'articolo sul Financial Times

Articoli leggibili su www.ilfoglio.it

Per accedere all'area riservata