Il cacciavite Gli argomenti di Enrico Letta a favore del Sì dimostrano che non è tutta colpa dei Cinquestelle

Dice l’ex premier che il Parlamento è sempre stato gestito da due terzi degli eletti e che «gli altri non andavano neanche in Commissione». Che è un modo elegante di esprimere il concetto: tagliamo la casta dei fannulloni

Francesco Cundari, 18.9.2020 linkiesta.it

Dice l’ex premier che il Parlamento è sempre stato gestito da due terzi degli eletti e che «gli altri non andavano neanche in Commissione». Che è un modo elegante di esprimere il concetto: tagliamo la casta dei fannulloni

Dice Enrico Letta al Fatto quotidiano che «il Parlamento, soprattutto nella Prima Repubblica, ma anche nella Seconda, è sempre stato retto e gestito da due terzi dei parlamentari. Gli altri non andavano neanche in Commissione, ma si occupavano dei partiti».

 

Che è un modo molto elegante e professorale di esprimere il concetto: un terzo lo possiamo tagliare tranquillamente perché tanto non combina nulla, quell’inutile casta di fannulloni (a prenderlo alla lettera, dovremmo anche chiederci come faremo a individuare il terzo giusto da tagliare, e a tenerci i due terzi buoni, ma è chiaro che non è quello il punto).

Trattandosi di Enrico Letta, vale a dire uno dei più qualificati esponenti della classe dirigente democratica, già presidente del Consiglio e ministro in diversi governi, attualmente professore a Parigi, a suo tempo tra i più entusiasti sostenitori del governo Monti, molte cose verrebbero da dire leggendo quelle parole, specialmente pensando al giornale a cui le ha dette e al Movimento 5 stelle che ne è in fondo l’ideale destinatario, come promotore della riforma.

E la primissima cosa che in proposito a me personalmente viene da dire a loro – al Fatto, ai cinquestelle, ai loro sostenitori – è semplicemente: scusatemi. Se questi sono i riformisti, i loro argomenti e i loro principi, che senso ha continuare a prendersela con i populisti?

Commenti   

#1 riki 2020-09-18 08:11
L’antipolitica: nasce con Tangentopoli, quando a bordo della nave Britannia alta finanza europea e politici italiani (fra cui Beppe Grillo) si prepara il disegno sovranazionale per scardinare i partiti della Prima Repubblica, decidendo le sorti della politica italiana dei successivi 30 anni. Nasceranno dei mostri come la piattaforma Rousseau dei grillini. Edoardo Sylos Labini (vox italia TV)

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli

Per accedere all'area riservata